Articolo

      Mučeniška Pot


Le Due Resistenze.

RAGIONARE COME NEL 1945? SI\', SE SI ANALIZZANO FATTI DEL 1945.

Abbiamo già altre volte parlato del fatto che in Italia, ma soprattutto a Trieste, vi furono due resistenze distinte, e quando oggi sentiamo dire, da parte di alcuni storici accademici, che gli jugoslavi “infoibarono” (nel senso non letterale ma simbolico come si esprimono gli storici medesimi) anche gli “antifascisti”, dobbiamo fare mente locale su un paio di cose che si evincono da documenti storici.
Innanzitutto ricordiamo che dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 il Regno d’Italia (l’Italia non era un paese unitario, era divisa in due ed il governo legittimo era quello del Regno del Sud) era stato inserito come “cobelligerante” all’interno della compagine alleata, dove invece la Jugoslavia di Tito faceva parte degli alleati. Ricordiamo inoltre che le regole sottoscritte dal Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia comprendevano il fatto che dove arrivavano le truppe alleate i partigiani consegnavano loro le armi e si mettevano a disposizione.
Tutto ciò premesso, andiamo a leggere qualche documento.
Nell’archivio di Stato di Lubiana troviamo una relazione (AS 1584, zks, ae 451: purtroppo anonima e non datata) che delinea un “comitato di liberazione” definito Comitato di Salute Pubblica. Leggiamo che alla fine di marzo 1945 il podestà Cesare Pagnini aveva “reso dichiarazioni” ad un “nostro compagno” (un membro dell’OF oppure dell’OZNA, quindi) nelle quali affermava che esisteva a Trieste “un’organizzazione denominata Comitato di Salute Pubblica (CSP) o Comitato di Salvazione o Comitato di Italianità”, del quale facevano parte l’Esercito Repubblicano, la Decima Mas, la Guardia Civica, i Vigili urbani, la Milizia forestale e quella ferroviaria, i Vigili del fuoco, ed i poliziotti di via del Bosco (i cosiddetti “ciclamini”) e quelli della questura di via XXX ottobre. Pagnini avrebbe detto che il prefetto Coceani avrebbe voluto inserire anche le “Bande Nere” (probabilmente le Brigate Nere, n.d.a.), ma la proposta non fu accettata; inoltre Pagnini non fece parola dell’UNPA (la protezione antiaerea comandata da Peranna, uomo di fiducia del generale Esposito che al momento dell’insurrezione comandò una propria brigata autonoma all’interno del CVL nella quale aveva inserito agenti dell’Ispettorato Speciale di PS) che risultò “successivamente” averne fatto parte. La funzione di questo Comitato era “nettamente antislava e quindi antipartigiana” e “si proponeva di ostacolare genericamente la penetrazione slava in queste terre”. Ercole Miani (Partito d’Azione) avrebbe dichiarato di essere a conoscenza dell’esistenza del CSP, ma senza chiarire le relazioni che intercorrevano tra CSP e CLN; nella relazione si evidenzia che il CLN vantava forze armate proprie (la Guardia di Finanza ed i “singoli carabinieri ancora esistenti a Trieste”), ma “soprattutto la Guardia Civica”, che “era considerata parte organica del Comitato di Salute Pubblica e questo apparire della Guardia civica tra le file dei due comitati fa pensare ad una connivenza dei due comitati se non proprio un accordo perfetto”. Successivamente le forze armate del CSP scenderanno in piazza come combattenti del CLN.
Dall’archivio di Lubiana all’archivio dello Stato Maggiore dell’Esercito di Roma, nel quale troviamo (fondo SIM, raccolta relativa alla “Missione Nemo”, busta 91, n. 83403) una annotazione del CLN triestino datata 18/4/45, a margine di una relazione su un incontro tra Osvobodilna Fronta-Fronte di Liberazione e CLN per arrivare ad un accordo sulla composizione del comitato misto per gestire la città dopo l’insurrezione. L’accordo non ci fu, ma è importante leggere il “punto b” dell’annotazione “ad integrazione della relazione”.
“Il Prefetto sta organizzando un importante nucleo di forze repubblicane contro l’eventuale calata del IX Korpus di Tito. Naturalmente, in caso di necessità, noi siamo disposti a far causa comune con queste forze. Urge quindi sapere se possiamo assimilarle al momento opportuno al Regio esercito, sia pure con le opportune epurazioni e gli opportuni riti” .
Questa aberrante proposta, che significava praticamente che il CVL di Trieste si proponeva di sparare con le forze collaborazioniste del nazifascismo contro l’esercito jugoslavo (alleato), fortunatamente non andò in porto, quantomeno non in maniera ufficiale (va qui citata un’affermazione dell’emissario della Missione Nemo a Trieste, il capitano Luigi Podestà, che scrisse “il 1° maggio il CLN mi disse che Tito era un alleato e che bisognava evitare scontri con l’esercito jugoslavo” nella sua relazione conservata presso l’Archivio IRSMLT n. 867), ma qualcuno all’interno del CVL operò autonomamente proprio in questo modo, causando incidenti di non poco conto e provocando di conseguenza la reazione dell’Esercito jugoslavo che fece prigionieri i militari che avevano sparato contro di loro (ricordiamo che alcuni reparti di Guardie di Finanza, probabilmente a causa di ordini sbagliati, aprirono il fuoco contro l’Esercito jugoslavo che entrava in città, fatto che causò l’arresto e probabilmente la fucilazione di questi reparti, che oggi vengono considerati “infoibati”); così come furono arrestati gli elementi del CVL che durante il periodo di amministrazione jugoslava operarono armati contro di essa.
Quando chi scrive ricorda questi fatti, viene accusata di “ragionare come nel 1945”: ebbene, volendo analizzare fatti avvenuti nel 1945 come altrimenti si dovrebbe ragionare, viene da chiedersi, se si vuole fare della storia e non trinciare giudizi politici?

Ottobre 2011

Questo articolo è stato letto 1518 volte.

Contatore Visite